Uncategorized

Cosa sono i trust?

Questa domanda mi e’ stata fatta moltissime volte, e, onestamente, dare una risposta che in modo chiaro e conciso possa spiegare questo mostro chiamato “trust” non e’ semplice. Il trust e’ un concetto della legge anglosassone e non esiste nel codice civile. Il trust e’ uno strumento giuridico con cui una persona ( il “settlor” ) , ovvero colui che crea il trust, trasferisce il titolo di un bene ad uno o piu’ gestori (“trustees” ) i quali hanno l’obbligo di utilizzare il bene ricevuto a favore di un beneficiario. Esempio: Padre trasferisce una proprieta’ a Miami nel trust a favore della moglie e dei figli. Il trustee gestira’ tale proprieta’ fino a quando non andra’ ai beneficiari nel momento predisposto nel documento del trust.

  1. Chi sono i principali protagonisti nel trust?
    • settlor: e’ la persona che forma il trust, colui che si spoglia del titolo di un bene e lo trasferisce al gestore (trustee).
    • beneficiaries: i beneficiari sono coloro che godranno del bene trasferito nel trust nel momento predisposto dal documento.
    • il trustee: colui che gestira’ il bene contenuto nel trust a favore dei beneficiari. Il trustee e settlor possono essere la stessa persona. Alcune delle principali responsabilita’ di un trustee comprendono:
      • agire per il solo interesse dei beneficiari (Duty of Loyalty);
      • amministrare, preservare ed investire il patrimonio del trust;
      • operare con la prudenza e competenza che una persona generalmente usa nella conduzione dei propri affari;
      • separare le proprietà del trust da altre proprietà da lui possedute od amministrate;
      • quando richiesto dal settlor o dalla legge, versare una cauzione (bond) a garanzia del corretto svolgimento delle sue funzioni (ciò avviene principalmente quando il trustee utilizza una persona giuridica per svolgere la propria funzione);.
      • rispondere per qualsiasi breach of Trust (violazione del trust) dal quale sia derivato un  sperpero dei beni; piu’ generalmente il trustee deve riportare i beni contenuti nel Trust nelle condizioni in cui si sarebbero trovate se non avesse commesso errori.
  2. Che cosa puo essere trasferito nel trust? Qualunque cosa: da una proprieta’, ad una somma di denaro, alle quote di una societa’.
  3. A cosa serve il trust? il trust ha diverse funzioni:
    • un trust puo’ rendere piu’ semplice e meno costoso il passaggio di proprieta’ alla morte del “settlor.”
    • se costruito in una certa maniera, il trust puo proteggere i beni contenuti da eventuali creditori
    • se costruito in una certa maniera, il trust puo’ evitare che la proprieta’ sia soggetta alla “estate tax”, la tassa di successione che per i non residenti americani e’ il 40% sul valore della proprieta’ superiore ai $60,000.
    • il trust favorisce la gestione del patrimonio:  puo’ essere strutturato in modo da destinare una certa somma di denaro alla cura di un familiare, oppure per evitare che un beneficiario possa accedere al patrimonio prima del raggiungimento di una certa eta’.
    • il trust puo ‘ essere utilizzato come via d’acquisto  di un immobile quando l’acquisto da parte di una societa’ non e’ possibile ( alcuni condomini non consentono l’acquisto di un immobile da parte di una societa’). Questa struttura puo’ garantire vantaggi anche dal punto di vista fiscale.
    • in certe situazioni, un trust potrebbe isolare il suo capitale nella divisione dei beni in caso di divorzio.
  4. Il trust e’ riconosciuto in italia? Nell’ordinamento giuridico italiano non è riconosciuto espressamente l’istituto del Trust ma a seguito della ratifica della Convenzione dell’Aja del 1985, entrata in vigore nel 1992, si è riconosciuta implicitamente la validità dell’istituto anche in Italia. In particolare, si e’ riconosciuta la validita’ dei  Trusts Interni, ovvero i  Trusts dove i soggetti giuridici sono italiani, i beni si trovano in Italia ma la regolamentazione del Trust è lasciata ad una legge straniera scelta dal settlor.

In conclusione, il trust e’ un importante strumento legale che garantisce a colui che l’ha istituito( il settlor) diversi vantaggi dal punto di vista legale e fiscale. Ovviamente, e’ uno strumento complesso che richiede l’intervento di un legale per la sua costruzione. Infatti, se non strutturato correttamente, non solo il capitale del trust diventerebbe soggetto all’avvento di eventuali creditori e a tasse fino al 40%,  ma qualunque altra indicazione nel documento del trust su come gestire il patrimonio potrebbe essere negata da un Tribunale.

Se volete ulteriori informazioni sulla formazione e l’utilizzo dei trust, non esitate a contattarmi!

Nota. Questo articolo vuole semplicemente fornire informazioni di natura generale. Cerco di aggiornarne il contenuto periodicamente, ma non posso garantirne l’aggiornamento nel momento in cui l’articolo viene letto. Nessuno deve agire basandosi sulle informazioni in esso contenute senza ottenere un preventivo parere di un professionista in grado d’analizzare le circostanze particolari di un individuo o di una società. ( Leggere il Disclaimer)

Annunci

2 pensieri riguardo “Cosa sono i trust?”

  1. Lei afferma che la tassa di successione per i non residenti statunitensi è del 40% oltre i 60.000 US$. A quanto ammonta invece la tassa di successione per un residente non statunitense o per un statunitense? Grazie.

    Mi piace

  2. Salve! ha fatto un ottima domanda, in quanto la tassa di successione e’ un argomento particolarmente complesso. Per farla breve in questo commento, la definizione di residente fiscale statunitense per la tassa di successione non e’ la stessa di quella per la tassa sul reddito( quest’ultima e’ descritta nel post “Come capire se siete residenti fiscali negli Stati Uniti). Per la tassa di successione, si diventa “US residents” quandi si acquista “domicilio” negli Stati uniti; tale domicilio si ottiene quando un individuo dimostra di aver intenzione di rimanere negli Stati Uniti per un tempo indefinito ( tra i diversi fattori che il fisco americano considera per determinare questo ” intento” vi sono lo stato d’immigrazione, i legami con la comunita’ americana e tanti altri). Normalmente, un cittadino americano e un possessore di green card sono considerati residenti mentre coloro che hanno un visto temporaneo no. Un residente fiscale per la tassa di successione e’ tassato su i beni che ha nel MONDO ( non solo negli USA), l’esenzione e’ di $5,450,000 per il 2016 e la rata e’ del 40%. Un Non residente fiscale per tale tassa e’ tassato per i beni che ha SOLO NEGLI USA ( con qualche eccezione), l’esenzione e’ di $60,000 e la tassa e’ la stessa(40%).
    Spero di essere stata chiara ( anche se non tanto breve)!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...